Home page
 
 
Photo Gallery   Video Gallery
Chi siamo
Finalità
Progetti
Idee
Mal di Mare
Eventi
Blog
Sostieni Arthas
Diventa Socio
Contatti
Gli alieni sono tra noi
Collabora con noi
 
Fotonews
Serranus scriba
04/12/2017
Serranus scriba
 
VideoNews

11/10/2016 11:00:56
Fenicotteri nel Salento
 

Aforismi sul mare

<< Al tempo della mia infanzia e della mia giovinezza il mare era per il bagnante un gigantesco coperchio, una colossale porta chiusa. Il suo elemento essenziale era la sua orizzontalità che ne faceva una sconfinata pianura, una enorme e uniforme steppa liquida. Vi arrivavamo come a un deserto azzurro, e per quanto lo popolassimo di barche, di remi, di vele, di reti eccetera, la sensazione fondamentale che esso ci dava, paragonata alle sensazioni che ci dava la terra, era quella della solitudine. Bastava immergerci nelle sue acque per sentirci soli. A tre metri dalla riva era come fossimo stati proiettati nel vuoto, eravamo entrati dentro la cecità, in un mondo, dico, luminoso quanto si vuole, ma cieco. Se aprivamo gli occhi sott'acqua, per un attimo, la vista diveniva un velo opaco e glutinoso, che ci faceva rapidamente abbassare le palpebre: era come fossimo affetti da cateratta. Premere il viso contro l'acqua era come premerlo contro un suolo, una terra cedevole, liquida, ma buia, dalla quale i pescatori traevano i pesci come contadini che estraggono patate da un campo, dissotterrandoli da una profonda notte.

In realtà, a quei tempi, del resto non lontani, il mare aveva per noi un suo aspetto concreto solo riferito alla terra o al cielo; nuotando tenevamo l'occhio fisso alla costa o all'orizzonte. Al di fuori della costa e dell'orizzonte esso era un rotondo zero nel quale ci avvolgevamo piacevolmente. I nostri movimenti, sia pure di abili nuotatori, erano quelli di animali che si trascinano carponi al suolo, di vermi che strisciano dentro la polvere d'un campo.

Finché, un bel giorno, qualcuno scoprì il "mare con gli occhiali", mise in uso gli occhiali da mare, due cerchi di vetro, una ellissi di vetro, applicati a una maschera. Uno strumento ottico infantile, tant'era semplice; ma portentoso. E immergemmo gli occhi nell'acqua, bene aperti, all'asciutto. Con un niente la grande rivoluzione (per l'uomo di tutti i giorni, beninteso, non per lo specialista come il palombaro o il sommozzatore) era un fatto compiuto. Di colpo il deserto del mare era annientato, scomparso: finita la sua solitudine, finita la sua orizzontalità, finita la nostra cecità. Avevamo spaccato la crosta liquida dell'acqua, spalancato quella "porta", sollevato quella "botola" piatta e azzurra. Di più: quei pochi millimetri dello spessore del vetro che ci faceva tenere aperti gli occhi davano il via a un viaggio di milioni di chilometri. Avevamo fatto anche noi la nostra grande scoperta geografica, non da meno di quella di Colombo, il nostro nuovo leggendario viaggio esotico, non da meno di quello di Marco Polo. Avevamo scoperto il "Paese del mare"; leggevamo, con gli occhiali, il mare.

La prima rivelazione di questa lettura del mare, ai bagni, è che esso non è mare; è un cielo. Un cielo più spesso, più denso, posato su quella terra che noi chiamiamo il fondo del mare. Un cielo che sovrasta pianure, vallate, promontori campi, piccole colline e perfino piccole montagne. Nuotando non è più come se ci trascinassimo carponi, ciechi, al suolo: è come se planassimo ad ali aperte (le braccia) sulla superficie di un'atmosfera. Immerso il viso nell'acqua, abbiamo finalmente la sensazione del volo (e qualche volta l'altezza ce ne dà la vertigine) molto più autentica di quella che ci dia l'aeroplano. Ecco laggiù, sotto le nostre ali, le campagne del mare, i prati di muschio, le selve d'alghe, le foreste inerpicate sui fianchi dei pendii. Ecco gli autentici borghi, le autentiche città del mare al fondo del cielo del mare: palazzi di roccia, case di scoglio, paesini di ghiaia, giardini di piante acquatiche, tunnel, archi, ponti, sottopassaggi, e tutta una popolazione varia e irrequieta, dai grassi borghesi autorevoli, come le cernie, alla piccola borghesia irrequieta dei merluzzi, alle masse proletarie delle sardine.

Con occhio incantato scopriamo un fatto inaudito: che i pesci in realtà sono uccelli; si posano al suolo tratto tratto come uccelli, e poi saltano su un ramo d'albero e poi volano verticalmente, obliquamente, orizzontalmente, per poi posarsi di nuovo al suolo o nel folto del fogliame, rientrando ai loro nidi.

Cade la nostra antica illusione che il mare sia azzurro. Azzurra è la sua volta celeste, per così dire, ma la sua terra è verde, è rossa, è nera, è gialla, è marrone, arancione, viola eccetera come la terra sulla quale poggiamo i piedi: paesaggio vario, policromo, nel quale, attraverso la coltre d'acqua, gioca la luce coi suoi bianchi e neri di sole e ombra come gioca sulla terra attraverso la coltre del cielo. Se lo ritraessimo col pennello, seduti sul fondo davanti al cavalletto, astenendoci dal farvi apparire la sua popolazione, nessuno lassù, sulla terra, s'accorgerebbe che abbiamo ritratto il Paese del mare, il mondo subacqueo. Penserebbe si trattasse d'un paesaggio immerso nell'aria, nel cielo.

Guariti con gli occhiali dalla nostra antica cecità, voliamo a nostra volta dentro il mare, verticalmente, orizzontalmente, simili ad angeli, ne tocchiamo il fondo, ne sfioriamo le piante, non più ancorati al suolo, librandoci nel suo cielo per qualche attimo con la riserva d'aria dei nostri polmoni o più a lungo con gli apparati d'ossigeno che ci rendono anfibi.

Tale la elementare e magica rivoluzione del "mare con gli occhiali". Lo scoglio, la riviera, la costa non sono più la "fine della terra"; sono un confine tra due "Paesi". La superficie del mare è un soffitto: il suo limite estremo nel cosmo. Al di là di quella superficie comincia per il mondo del mare "lo spazio", l'ignoto, l'impalpabile. Un pesce che si dovesse avventurare oltre quella superficie avrebbe bisogno, a suo modo, d'una tuta spaziale, come un cosmonauta che s'avventurasse oltre il soffitto dell'atmosfera.

Ma non si tratta, forse, proprio di quello che avviene a noi, creature terrestri, che viviamo sul "fondo del mare d'aria"? Come le creature subacquee noi viviamo dentro un'acqua sia pure rarefattissima, aeriforme, superleggera; uno spessore "d'acqua d'aria" che arriva fino al limite di quello che a nostra volta chiamiamo spazio. Ci trasciniamo sul fondo del "mare dell'aria" come pesci, ce ne distacchiamo con le nostre macchine alate, navighiamo dal basso in alto e dall'alto in basso nel nostro "oceano d'aria" come i pesci navigano nel loro "cielo d'acqua". Le nostre città e i nostri paesi sono tane subacquee a loro volta, le nostre foreste sono distese di muschio o d'alghe che le correnti subacquee del mare fanno ondeggiare e fremere come i "venti d'acqua" delle correnti sottomarine fanno ondeggiare e fremere le piante del fondo del mare.

Anche noi, abitanti di quella che chiamiamo la "superficie terrestre", siamo dunque in realtà "abitanti d'un fondo". Anche la nostra vita è una vita sepolta, chiusa sotto un coperchio, sotto una botola. E chissà che lassù, alla superficie, al limite della coltre d'aria ch'è il nostro mare, non esistano esseri "con occhiali" che ci guardino muoversi quaggiù e qua dentro, come noi, galleggiando sulla superficie del mare, guardiamo i pesci e le alghe. Chissà che un giorno non li si veda arrivare quaggiù, dalla superficie del mare d'aria, come i pesci ci vedono arrivare laggiù fra loro, con occhiali, pinne e respiratori. Chi sa, soprattutto, se anche quegli esseri dell'oltrearia non striscino a loro volta su un fondo d'un ennesimo mare di spazio, guardati con occhiali da altri esseri che a loro volta vivono su un fondo eccetera eccetera.

Chi sa, dico, chi sa, se i cosmonauti in virtù dei loro occhiali da spazio non potranno raccontarci in avvenire che l'universo è fatto di mari, sempre meno densi, sempre più inavvertibili, fino ad essere impensabili, fino al niente dell'assoluto, sovrapposti concentricamente l'uno sull'altro, all'infinito?
>>
Virgilio Lilli (1907-1976)       
  08/03/2018: Il mare di plastica: le terrificanti immagini provenienti dall'indonesia

Un salentino Doc pluripremiato sul portale http://www.photo4u.it

Vive a Porto Badisco il salentino che ha vinto per ben due volte il premio come migliore " Foto della settimana" nella categoria "Macro e Close Up" sul portale di fotografia Photo for You; un grande risultato per questo nostro... conterraneo? No; conacq… nemmeno; mi arrendo! Comunque queste sono le foto vincitrici:


La danza dei Fenicotteri

La meravigliosa danza dei fenicotteri rosa al tramonto negli specchi d'acqua del Salento.

Un video da non perdere.

Gli alieni sono tra noi

L'estate appena trascorsa ha confermato che le specie aliene provenienti da altri mari, in particolare dal Mar Rosso (fenomeno noto come migrazione lessepsiana) stanno rapidamente colonizzando il Mediterraneo: è il caso del pesce coniglio (Siganus luridus), che ha colonizzato le coste greche e si prepara al "salto" del Canale d'Otranto...

Continua a leggere

Storia del cavalluccio di mare

Una meraviglia di un vivido giallo è sempre un'attrazione irresistibile per un bambino: senza esitare, infilo la mano in mezzo alle lunghe alghe brune che ricoprono la parete costiera per afferrarla, ma la presa che oppone è tenace; uno strattone e la “cosa” viene su con me, insieme al ciuffo di alghe cui si era avvinghiata. La curiosità e tanta, ma ora il mio sguardo è proteso in alto, verso la superficie: la fame d'aria comincia a farsi sentire.
Emergo; un veloce respiro, e subito rituffo la testa sott'acqua, ansioso di scoprire cosa abbia trovato. E i miei occhi si spalancano per lo stupore: con la coda ancora tenacemente aggrappata al lungo fusto dell'alga, nella mia mano reggo un cavalluccio marino.
Sono 'esperto' di vita marina, è da quando avevo cinque anni che non faccio altro che immergermi in qualunque mare mamma e papà decidano di portarci; ma una meraviglia così, davvero non l'avevo mai vista.
La gioia e lo stupore per questo regalo del mare traboccano, urge condividerli: con gesti e grida attiro in acqua mamma, papà e fratellino; è vero, spesso li ho costretti a tuffarsi per scoperte che forse non erano poi così interessanti, ma questa volta... e infatti, il loro stupore è davvero pari al mio; tutto ciò mi entusiasma, so di avere tra le mani qualcosa di unico. ... (continua)

Leggi tutto

L'Associazione Arthas è stata premiata con la targa "AMOR LOCI - Premio Gino Cantoro 2015 - Quarta edizione" Per il suo contributo per la difesa dei mari del Salento.

La biologia Marina per le Scuole Elementari

Una semplice introduzione visiva alla biologia Marina per gli alunni delle scuole elementari.
Un video didattico realizzato dall'Associazione Arthas insieme agli alunni e ai docenti della classe IIa C dell'Istituto "Livio Tempesta" di Lecce, all'interno del bando "idee 2012" del Centro Servizi Volontariato Salento.
Nella prima parte: Cnidari, Anellidi, Echinodermi, Molluschi.


Nella seconda parte: Crostacei, Pesci, Rettili, Uccelli, Mammiferi.

La deposizione della Caretta caretta

Le straordinarie immagini della deposizione di una Caretta caretta, e la nascita delle piccole tartarughe. Le immagini della deposizione sono state realizzate con una videocamera agli infrarossi per non disturbare l'animale in un momento così delicato. Le piccole carette sono nate nel 2012 a San Foca, marina di Memendugno, presso il lido Kalecora. Un video dedicato ai più piccoli e tutto da gustare

Il Salento allo stato puro

è una breve clip video dedicata al mare del Salento in tutto il suo splendore; filo conduttore del video è la basa profondità in cui sono state effettuate le riprese: la maggior parte in superfice e le più profodea soli 5m d'acqua. Testimonia incontri in cui chiunque, con un pò di fortuna, potrebbe incorrere.
Pubblicato il nuovo video

Le tartarughe di mare spiegate ai bambini

. Il video è uno degli strumenti utilizzati nel progetto scuole, per promuovere la conoscenza e la comprensione della biodiversità e le prime norme di tutela ambientale agli allievi degli istituti elementari e superiori.

Ricordiamo che i materiali didattici sono disponibili gratuitamente su richiesta; per ulteriori informazioni contattateci info@arthasodv.it
Pubblicato il video:
"

Brunetto e Giuseppe: amici per le pinne

La straordinaria amicizia nata fra un pesciolino ed un ... homo delphinus.

Da vedere
Una domenica di fine Dicembre è un'ottima occasione per ammirare il sorgere del sole sul mare, e godere dello spettacolo che la natura del Salento ancora sa offrire; così, di buon mattino, ...

... Non sembra uno dei tanti rifiuti abbandonati che affollano le nostre spiagge, sopratutto d'inverno; la sagoma mi è familiare; mi avvicino, spinto dalla curiosità.
1Ora che mi è proprio davanti, la riconosco: è una tartaruga caretta o quanto ne rimane: giace immota sulla sabbia, a poca distanza dal bagnasciuga.

Deve essere stata trascinata fin qui dalle mareggiate dei giorni scorsi; è ormai ridotta ad una macabra maschera: ... (continua)

Leggi tutto

plasticaSe il degrado delle coste ti è indifferente, perchè: “tanto l'anno prossimo cambio mare”;

se passeggiando lungo una spiaggia trovare cicche di sigaretta al posto delle conchiglie non ti disturba;

se ti è indifferente bagnarti in acque sempre più verdi e limacciose, perchè tanto “anche al mare,  meglio andare in piscina”;

se non ti sei mai fermato ad ascoltare il respiro del mare;

se non ti sei mai chiesto cosa possa nascondersi sotto l'immensa coltre blu;

se per te il mare esiste solo per due-tre settimane l'anno;

se la tua soluzione per la chiazza schiumosa e maleodorante portata dalla corrente sbagliata è: “basta spingersi un po' più in là”;

se non ti curi di quello che mangi e che respiri;

se vivi come se il mondo dovesse finire con te, e non ti curi affatto delle generazioni che verranno;

se per te tutto questo è inevitabile, e non è altro che il giusto prezzo da pagare al progresso ed allo sviluppo economico, allora ...

 … questo sito non è per te.


 
308 Foto in Gallery
Spatole in volo
Spatole in volo
Sciarrano (serranus scriba)
Sciarrano (serranus scriba)
Perchia
Perchia
 
17 video in gallery

Plastica nello Ionio